Salta al contenuto principale

LIBANO LA TERRA DEI CEDRI

LIBANO

14/21 SETTEMBRE

In passato veniva chiamato “la Svizzera del Medio Oriente” per lo spiccato senso dei suoi abitanti per gli affari. Ora, mentre i monumenti raccontano del passato di grandi fasti e ricchezze, i palazzi distrutti dalle bombe urlano la sofferenza di questo popolo. Un Paese ferito, dunque, che tenta con fatica di cambiare e riaprirsi all’Occidente, nonostante il latente integralismo religioso. Del resto, il Libano è da sempre luogo di contrasti, che in un certo senso lo rendono ancora più affascinante. Melting pot di culture, religioni, credenze e gruppi etnici, questo Paese non ha un solo volto da mostrare al turista: antiche città, reperti romani, località sciistiche e i locali che animano le notte lungo le coste. I suoi paesaggi naturali, poi, lasciano senza fiato: la valle di Qadisha, per citare uno dei luoghi più belli, è stata dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Proprio seguendo gli itinerari naturalistici si possono ancora ammirare i cedri, pianta simbolo del Libano, che fin dai tempi biblici ricopriva l’intero territorio. Purtroppo, oggi è quasi scomparsa a causa di un disboscamento selvaggio legato agli affari e alle esportazioni.

Scarica il programma dettagliato